BUYER PERSONA: COSA SIGNIFICA E COME PROFILARE IL CLIENTE TIPO

Se mappare il Customer Journey e coinvolgere le persone con contenuti di qualità sono attività fondamentali per garantirti il successo, altrettanto significativo è il processo di analisi che conduce alla definizione di Buyer Persona, nota anche come Customer Avatar.

Si tratta di una mossa strategicamente fondamentale per progettare e ottimizzare gli investimenti in ambito marketing. Apprendere il significato di Buyer Persona viaggia di pari passo con la definizione degli strumenti giusti per individuare il profilo di ogni cliente tipo.

Ecco come ottimizzare il ROI delle tue attività: identificare le personas equivale a capire con precisione il target di riferimento e ciò consente di scegliere i canali più indicati per raggiungerlo.

 

Cosa sono le buyer personas?

 

Questa espressione si riferisce a una rappresentazione simulata di ogni potenziale acquirente dei propri prodotti o servizi. Una simulazione che si basa su dati reali, raccolti su clienti esistenti, che possono dirci molto non solo sui loro dati anagrafici, ma anche su comportamento, cultura, motivazioni, obiettivi.

Insomma, una buyer persona è un individuo finto, però verosimile, nato da una combinazione di dati e ipotesi. Capirne a fondo caratteristiche e problemi è utile non solo a soddisfarne le esigenze, ma anche ad anticiparle. L’ideale per strutturare strategie mirate e vincenti.

In particolare, nel profilare i tuoi acquirenti occorre definire diversi fattori, tra cui:

  • Info socio-demografiche.
  • Comportamenti: in che modo arrivano ai loro acquisti?
  • Lifestyle, hobby e interessi.
  • Device impiegati nel processo di acquisto.
  • Obiettivi.
  • Problemi con cui devono fare i conti.
  • Ostacoli nel raggiungimento degli obiettivi.
  • Contestazioni verso la tua offerta.

Attenzione, naturalmente le personas non sono standard, valide per tutti. Variano profondamente in base al brand e al relativo comparto economico.

 

Personas: come profilare il cliente tipo

 

Per tracciare l’identikit del tuo potenziale cliente, il primo strumento da cui partire è senz’altro Google Analytics. Dopo aver effettuato l’accesso, nella barra laterale a sinistra è presente la voce “Pubblico”: assicurati di analizzarla per bene, in ogni singola tipologia di dati, per avere un visione esaustiva dei visitatori del tuo sito.

Non solo Analytics, anche gli Insight di Facebook sono un valido supporto nel processo che ci permette di capire come profilare il cliente tipo. Ma adesso Facebook ci offre uno strumento ancora più potente: si tratta di Audience Insights, a cui si accede da Ads Manager, che raccoglie sia dati riportati dal social che da partner di terze parti.

Puoi scegliere di avere una panoramica di tutto Facebook oppure di focalizzarti sui dati delle persone connesse alla tua pagina o, ancora, di analizzare un pubblico personalizzato, se esiste. Grazie ad Audience Insights, si può ricavare un’enorme mole di dati demografici e comportamentali sul proprio pubblico e su quello dei concorrenti.

Esiste un tool gratuito sviluppato da HubSpot che ti aiuta a profilare le Buyer Personas. Si tratta di MakeMyPersona, su cui è sufficiente rispondere a una serie di domande con i dati raccolti, tra cui Roles (info professionali), Goals (obiettivi) e Challenges (ostacoli). Alla fine, si riceverà un word tramite mail.

Sei pronto a conoscere davvero i tuoi clienti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *